Generalità

Classificazione

  • Disturbo bipolare
    • Episodi ipomaniacali / maniacali
    • Episodi depressivi
    • Intervalli liberi
  • Disturbo depressivo
    • Episodi depressivi
    • Intervalli liberi

Presentazione clinica dell'episodio depressivo

  1. Cluster affettivo* Umore deflesso e anedonia sono i due sintomi cardine dell'episodio depressivo
    • Umore deflesso
    • Anedonia
  2. Cluster cognitivo e psico-motorio
  3. Cluster somato-vegetativo
  4. (Nota*) In alcuni pazienti ai sintomi cardine (umore deflesso e anedonia) si possono accompagnare dei vissuti di ansia, con conseguenti manifestazioni aggiuntive differenti:
    • Agitazione psicomotoria
    • Aumento dell'alimentazione
    • Insonnia

Presentazione clinica dell'episodio ipomaniacale / maniacale

  1. Cluster affettivo
    • Umore euforico
    • Iperedonia
  2. Cluster cognitivo e psico-motorio
  3. Cluster somato-vegetativo
    • Aumento dell'appetito
    • Riduzione delle ore di sonno

Elementi caratterizzanti della mania (rispetto all'ipomania)

  • Sintomi psicotici (Mania delirante)
    • Deliri - Allucinazioni
  • Stato confusionale (Mania confusa)
    • Si ha una tale accelerazione delle idee da provocare disorientamento rispetto allo spazio, al tempo e alla propria persona
      (~stato confusionale acuto / delirium)
  • Iperattività psico-motoria grave (Mania eccitata-furiosa)
    • Iperattività psico-motoria tale da portare a crisi di furia incontenibili con comportamenti pantoclastici
(Nota: si tratta di fatto "alterazioni estreme" di una delle tre componenti elencate nel cluster cognitivo e psico-motorio)

Cicli del disturbo bipolare

Ulteriori informazioni utili

  • Prospettiva trasversale / Prospettiva longitudinale
    • La prospettiva trasversale è quella che si utilizza per la classificazione degli episodi
    • La prospettiva longitudinale è quella che si utilizza nella classificazione dei disturbi
  • Eziologia primaria / Eziologia secondaria
  • Numero di episodi necessari per la diagnosi di disturbo
    • E' sufficiente un episodio ipomaniacale / maniacale per la diagnosi di disturbo bipolare
    • E' sufficiente un episodio depressivo (in assenza di episodi ipomaniacali / maniacali) per la diagnosi di disturbo depressivo
  • Durata tipica degli episodi
    • La durata tipica di un episodio ipomaniacale/maniacale è di 1-3 mesi
    • La durata tipica di un episodio depressivo è di 3-24 mesi
  • Epidemiologia
    • La prevalenza lifetime del disturbo bipolare è dell'1%
    • La prevalenza lifetime del disturbo depressivo è del 10%
    • L'età di insorgenza tipica è in entrambi i casi intorno ai 20-30 anni
  • Ciclotimia / Distimia
    • La ciclotimia segue il pattern del disturbo bipolare
    • La distimia segue il pattern del disturbo depressivo

Diagnosi

  • Esame psichico diretto

Distinzione tra alterazioni dell'umore fisiologiche e patologiche

  • "Qualità" dell'alterazione dell'umore
    • Alterazione percepita da paziente come "al di fuori dell'esperienza umana consueta"
  • "Quantità" dell'alterazione dell'umore
    • Intensità
    • Presenza di altri sintomi oltre all'alterazione dell'umore e dell'edonia (vedi sopra)
    • Persistenza
    • Durata > 2 settimane per la diagnosi di episodio depressivo -
      Durata > 1 settimana per la diagnosi di episodio ipomaniacale / maniacale
  • "Rapporto con la realtà" dell'alterazione dell'umore
    • Inadeguatezza rispetto agli eventi
    • Reazione euforica ad un evento triste -
      Reazione di tristezza ad un evento felice
    • Compromissione del funzionamento
    • Compromissione del funzionamento lavorativo e sociale del soggetto

Terapia

Terapia del disturbo bipolare

Terapia del disturbo depressivo

Indicazioni alla terapia di mantenimento

Altri farmaci disponibili

Considerazioni sull'utilizzo degli antipsicotici nella terapia del disturbo bipolare

  • Utilizzo nel trattamento dell'episodio maniacale
    • Praticamente tutti gli anti-psicotici, per loro stessa natura, sono efficaci nel trattamento dell'episodio maniacale; solitamente, nella terapia dell'episodio maniacale, si utilizza sempre uno stabilizzatore dell'umore "classico" in combinazione con un antipsicotico, dato che quest'ultimo consente un più rapido controllo dei sintomi e dell'agitazione psicomotoria
  • Utilizzo nel trattamento dell'episodio depressivo e nella terapia di mantenimento
    • Gli unici due anti-psicotici attivi in questo contesto sono la quetiapina e l'olanzapina